Questo sito usa i cookie per personalizzare la tua navigazione. Continuando a navigare su questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Ulteriori dettagli.

OK

La nuove varieta’ di lattuga da serra protagoniste nelle riunioni tecniche di Vilmorin a Capua (CE) e Fondi (LT)

15/09/2017

Riunione tecnica lattuga-ravanello Caserta 05 settembre 2017

Martedì 05 settembre 2017 a Capua (CE) Vilmorin ha organizzato una riunione tecnica dedicata alle due principali colture invernali da serra dell’areale: lattuga cappuccina e ravanello.

La lattuga da serra rappresenta una specie pilastro per Vilmorin la quale ogni anno investe fortemente in ricerca e sviluppo al fine di soddisfare le esigenze della filiera produttiva, sempre in continua evoluzione. Dopo diversi anni di selezione e sviluppo la società lancia sul mercato due nuove varietà di cappuccina da serra, BRA7551 e BRA7559. Per l’occasione la scelta della location è facilmente ricaduta sul Casertano, territorio storicamente vocato alla produzione della lattuga da serra che negli anni non ha smesso di credere in essa investendo e migliorando i sistemi produttivi, affermandosi come areale leader per l’offerta di lattuga per l’inverno in Italia e in Europa.

La scelta è stata ampiamente gratificata dalla presenza numerosa dei principali operatori della filiera dell’areale: vivaisti, produttori e strutture commerciali.

 

Durante la serata il responsabile dello sviluppo Area Sud, Vito Altieri ha presentato le due novità varietali BRA7551 e BRA7559 evidenziando l’immenso lavoro di prove colturali effettuato in tutti gli areali di produzione Italiani ed illustrando le principali caratteristiche agronomiche delle stesse.

Le due varietà, entrambe con resistenza Bremia HR 16-33, sono adatte a periodi di trapianto diversi e complementari tra loro.

BRA7551 è infatti adatta a trapianti autunnali, riuscendo in questo periodo a fare fronte alle grosse escursioni termiche e d’intensità luminosa, garantendo sempre un’eccellente qualità del cespo con volume equilibrato, fondo sempre chiuso e colore verde brillante.

BRA7559 si pone invece come soluzione varietale per i trapianti da novembre in poi; è caratterizzata da un   ottimo volume, colore verde intenso e foglie lisce, che si traduce in un’eccellente presentazione del cespo. Da sottolineare la notevole precocità della varietà rispetto ai competitor di mercato.

Svolgendo la riunione a Caserta non abbiamo potuto non dedicare parte della serata alla specie ravanello.

Il responsabile sviluppo Italia, Pierpaolo Zuena ha tenuto infatti una presentazione molto interessante sulle principali fisiopatie del ravanello della zona con relativi accorgimenti agronomici per arginarle.

 

Aldo Gargiulo, responsabile commerciale Area Sud, ha elencato la gamma varietale ravanello Vilmorin-Hazera per la zona di Caserta (Bostella, Charito, Autella e Florella), nonché il posizionamento ottimale delle varietà nel calendario di semina.

 

 

La riunione è stata inoltre l’occasione per presentare ufficialmente Giuseppe Izzo che dal 1° Maggio 2017 è entrato parte del team Vilmorin come responsabile sviluppo per Caserta, Napoli ed Agro-Nocerino-Sarnese.

 

A conclusione della serata i partecipanti sono stati ospitati per una cena con prodotti tipici del territorio locale.

 

 

Riunione tecnica lattuga, Fondi 07 Settembre 2017

Il 7 Settembre nella zona di Fondi (LT) Vilmorin ha incontrato i produttori, i tecnici ed i  vivaisti dell’areale. L’evento ha avuto come argomento principale le novità relative alle lattughe da serra ed in particolare le due cappuccine BRA7551 e BRA7559 e la batavia XENABELLA.

Sono stati presentati tutti i risultati ottenuti con l’attività di sviluppo delle due cappuccine BRA7551 e BRA7559 con dati e documentazioni fotografiche provenienti dalle aziende che hanno ospitato le prove.

BRA7551 ha dato i migliori risultati nel periodo di trapianto tra il 15 ottobre e il 15 novembre, mostrando garanzia di volume e qualità del fondo rispetto alle varietà competitor. Questo periodo risulta molto critico per la scelta varietale in quanto può essere troppo tardi per una varietà autunnale, ma troppo presto per una varietà invernale; BRA7551 annulla i rischi di una scelta varietale errata in questo periodo.

BRA7559 si inserisce nel segmento delle cappuccine invernali (trapianto dal 15 Novembre al 15 Febbraio) e al di là delle caratteristiche estetiche del cespo e del fondo, quello che ha colpito maggiormente è stato l’elevato peso specifico (sempre superiore al testimone) dovuto ad un maggior numero di foglie ed all’elevata tenuta alla sovramaturazione; il cespo non incappuccia (impalla) a maturazione ed inoltre permette al produttore di gestire meglio le raccolte.

Oltre alle due cappuccine è stata anche l’occasione per presentare la batavia XENABELLA (BVA6455) che si è inserita in tutte le migliori aziende già dalla scorsa stagione. Il punto di forza principale della varietà è l’elevata tenuta alla virosi (LRNV) che si sta diffondendo nell’areale di Fondi-Sperlonga, creando non poche difficoltà ai produttori. Vilmorin è molto attiva nella selezione di materiale tollerante a virosi Orange Spot e XENABELLA ne è la prova.   Tra le altre caratteristiche della varietà sono da sottolineare anche il buon volume, la frastagliatura del fogliame fine, l’elevate rese commerciali, il fogliame plastico e di buon spessore.

Anche XENABELLA, come le due cappuccine BRA7551 e BRA7559, è dotata della resistenza a tutte le razze di Bremia(16-33)

 

Vilmorin Italia s.r.l. coglie l’occasione per ringraziare tutti i presenti all’evento e resta a disposizione per qualunque informazione aggiuntiva o chiarimento sugli argomenti trattati.

 

 

Altre news

Vilmorin Italia: i veri esperti del portainnesto pomodoro

Per il terzo anno consecutivo Vilmorin Italia ha organizzato in Sicilia una serravetrina dedicata ai suoi portainnesti interspecifici in cui sono state presentate tutte le varietà attualmente in gamma

Open-day pomodoro a grappolo Orpheus F1 ad Acate (RG)

Vilmorin allarga la sua gamma di varietà di pomodoro a grappolo per la raccolta a rosso grazie all’importante novità ORPHEUS F1, un ibrido proveniente dalla Ricerca Hazera. La varietà, quest’anno

Condividere